Clicca qui per leggere dall'inizio

Le criptovalute non sono state l'unico interesse di McAfee negli ultimi anni; l'eccentrico personaggio infatti decise di correre alla presidenza degli Stati Uniti, promettendo l'istituzione di un suo partito.

Nel 2016, durante un'intervista di Wired, disse che sperava di trovare qualcuno più sveglio e carismatico di lui per la corsa alle presidenziali; in tal caso si sarebbe messo da parte e avrebbe sponsorizzato il candidato.
Però aggiunse: “I miei consiglieri premono perché io mi candidi. Ricevo migliaia di email che mi incitano ad entrare nella corsa alle presidenziali. Non è qualcosa che ho deciso di fare di testa mia”

Quindi John, spinto da migliaia di fan accettò di candidarsi alle elezioni nello stesso anno in cui correva anche Donald Trump.
La visione di McAfee in parte era simile a quella di Trump in quel momento, la differenza stava nella tecnologia al centro del programma elettorale.

John abbandonò ben presto l'idea di partecipare alle elezioni con un suo partito, nominato "Cyber Party", candidandosi con il Partito Libertario (LP). Decise poi di sospendere la campagna il 29 Maggio 2016, con la vittoria delle primarie del LP di Gary Johnson.

Nel 2018 annunciò la sua partecipazione alle elezioni del 2020, sempre con il Partito Libertario, ma venne nuovamente sconfitto alle primarie lo scorso maggio

Logo presidenziali McAfee 2020

John David McAfee riesce ancora a far parlare di se per la sua eccentricità e sregolatezza all'età di 74 anni (quasi 75); di recente è stato arrestato in Norvegia perché portava un perizoma come mascherina.

"Sto insistendo sul fatto che sia la più sicura e mi rifiuto di indossare qualunque altra cosa -- per il bene della mia salute"

Quale sarà la prossima trovata?

Ricordiamo che entro fine 2020 ne sentiremo di nuove per via della sua scommessa, quale sarà il risultato?